La Dieta Chetogenica

E’ un tipo di dieta che permette di “velocizzare” i risultati, ma d’alta parte non può essere protratta per lunghi periodi.
Si basa sulla diminuzione drastica dei carboidrati, per fare si che il nostro organismo attinga ai grassi tanto gelosamente conservati!

E’ spesso confusa, in maniera assolutamente erronea, con la chetoacidosi diabetica, condizione caratterizzata dalla produzione di corpi chetonici contemporanea alla glicemia elevata, in questo caso i corpi chetonici non vengono consumati (in quanto c’è il glucosio disponibile) e si accumulano provocando acidosi patologica.

La chetosi è invece il meccanismo che si instaura durante il digiuno per fare si che il cervello possa sopravvivere, da ricordare come il cervello sia capace di utilizzare i grassi, il problema è che questi ultimi non possono attraversare la barriera ematoencefalica (che protegge il cervello da possibili intrusioni non volute), per questo in caso di digiuno e quindi mancanza di glucosio che il fegato produce i corpi chetonici a partire dagli acidi grassi; i corpi chetonici sono capaci di attraversare la barriera ematoencefalica e raggiungere il cervello.

Da sottolineare come le uniche cellule obbligate ad utilizzare glucosio in maniera esclusiva, in quanto privi di mitocondri, sono i globuli rossi.

Dunque siamo “progettati” per utilizzare la chetosi, però questo è un meccanismo di difesa (per difendersi da carestie e mancanze di cibo o di carboidrati) che dunque non può essere protratto per periodi prolungati, in media si stimano essere sicuri 20 giorni.

Questo regime ha il vantaggio di far ottenere nel breve periodo risultati più rapidi, di riuscire ad “attaccare” depositi adiposi ostinati, quelli che grazie allo stratigrafo tissutale si classificano come grasso vecchio.
La presenza dei corpi chetonici diminuisce sensibilmente il senso della fame.

E’ un regime che non può essere operato in presenza di patologie renali, alcune cardiache, diabete di tipo I, gravidanza o allattamento.
Deve essere ben valutata e spesso necessita di una integrazione, visto che alcuni nutrienti potrebbero venire a mancare.

Dunque non voglio proporla come la dieta definitiva, per me non ne esiste una ma esistono tante persone! Infine ho avuto modo di sviluppare una serie di prodotti che rendono la chetogenica più applicabile, ricordo di aver operato la mia prima cheto su me stesso venti anni fa, ma senza pane o dolci non è semplice, ora ho sviluppato pane e dolci che permettono di operare una chetogenica con molti meno sacrifici!

Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione.
Clicca su "OK, ho capito" per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Maggiori Informazioni".